HomeGroupsTalkZeitgeist
This site uses cookies to deliver our services, improve performance, for analytics, and (if not signed in) for advertising. By using LibraryThing you acknowledge that you have read and understand our Terms of Service and Privacy Policy. Your use of the site and services is subject to these policies and terms.
Hide this

Results from Google Books

Click on a thumbnail to go to Google Books.

Conflitto. Identità, interessi, culture by…
Loading...

Conflitto. Identità, interessi, culture

by Ugo Morelli

MembersReviewsPopularityAverage ratingConversations
411,664,912 (4)None
Recently added byPier-Maria, iaiuni, pisti

None.

None
Loading...

Sign up for LibraryThing to find out whether you'll like this book.

No current Talk conversations about this book.

«Quando patria, etnia, identità, lingua coincidono, allora abbiamo il sangue che scorre». È una delle icastiche affermazioni che l’autore fa mentre si addentra nelle pieghe del conflitto, dimensione fondamentale dell’esperienza umana, che si interseca con le tre parole del sottotitolo e che non va presa con accezione negativa. Conflitto non significa guerra, ma incontro tra differenze. Volta per volta l’esito dell’incontro può essere negativo, è certo, ma anche cooperativo. Morelli va a ritrovare nel De rerum natura di Lucrezio il senso di confligere: è quanto accade quando il seme incontrando l’humus si macera, si “perde”, ma è da qui che nasce una nuova pianta. Ma forse, caratteristico del nostro tempo è un terzo esito: l’indifferenza.
L’autore, docente universitario di Scienze della mente, che da sempre dedica la sua ricerca ai temi del conflitto, propone qui una sorta di summa del suo pensiero, il quale ha l’interesse di svelarci le dinamiche profonde del conflitto con un approccio pluridisciplinare, dai dati della neurologia alle scienze sociali, alla politica. Perché «il conflitto emerge e si afferma come codice della contemporaneità».
Meritano attenzione anche degli spunti quasi en passant come quello dedicato ai limiti del pacifismo (non per disaccordo con esso ma nel desiderio di renderlo efficace). «Perché la guerra assuma la concretezza e la pienezza così palesi e travolgenti rispetto al “vuoto emozionale” che la pace sembra indurre è una questione di ricerca di particolare rilievo».
Lo stesso discorso viene portato avanti, sul filo di riflessioni sull’attualità, anche sul sito www.polemos.it, espressione della Scuola di formazione e studi sui conflitti diretta dallo stesso Morelli. ( )
  Pier-Maria | Sep 20, 2015 |
no reviews | add a review
You must log in to edit Common Knowledge data.
For more help see the Common Knowledge help page.
Series (with order)
Canonical title
Original title
Alternative titles
Original publication date
People/Characters
Important places
Important events
Related movies
Awards and honors
Epigraph
Dedication
First words
Quotations
Last words
Disambiguation notice
Publisher's editors
Blurbers
Publisher series
Original language

References to this work on external resources.

Wikipedia in English

None

Book description
Haiku summary

No descriptions found.

No library descriptions found.

Quick Links

Popular covers

Rating

Average: (4)
0.5
1
1.5
2
2.5
3
3.5
4 1
4.5
5

Is this you?

Become a LibraryThing Author.

 

About | Contact | Privacy/Terms | Help/FAQs | Blog | Store | APIs | TinyCat | Legacy Libraries | Early Reviewers | Common Knowledge | 126,449,501 books! | Top bar: Always visible