HomeGroupsTalkZeitgeist
This site uses cookies to deliver our services, improve performance, for analytics, and (if not signed in) for advertising. By using LibraryThing you acknowledge that you have read and understand our Terms of Service and Privacy Policy. Your use of the site and services is subject to these policies and terms.
Hide this

Results from Google Books

Click on a thumbnail to go to Google Books.

Il cimitero dei giocattoli inutili e altri…
Loading...

Il cimitero dei giocattoli inutili e altri racconti calpestati

by Aldo Moscatelli

MembersReviewsPopularityAverage ratingConversations
222,551,640 (4)None
Recently added byZeruhur

No tags.

None.

None
Loading...

Sign up for LibraryThing to find out whether you'll like this book.

No current Talk conversations about this book.

Showing 2 of 2
“Antologia per sognatori”, così vorrei ribattezzare questa raccolta di racconti. Nei dieci scritti, che eppure trattano temi disparati, io vedo un filo conduttore, la capacità di immaginare e di sognare e l’immortalità dei sogni. Dopo l’opera prima di Moscatelli, L’orologio di cenere, pregevole ma non eclatante noir, veniamo in contatto con un’anima eclettica, che attraverso l’allegoria disserta di temi importanti e non facili. Non cade nella filosofia spicciola che caratterizza troppi autori, eppure riesce a essere immediato in, passatemi l’ossimoro, una semplicità complessa.Se il primo racconto risulta piuttosto ermetico e il secondo è un chiaro manifesto anti-militarista, con il terzo si raggiunge già la vetta con un delicatissimo inno ai sognatori di ogni dove: Il custode dei segreti sommersi è uno scritto davvero notevole e il riferimento autobiografico contenuto non fa che aggiungere valore, oltre al fatto che personalmente lo trovo di una dolcezza incredibile. L’altro scritto che mi ha colpito maggiormente è l’allegoria di Storia del melo e della triste piantina che ci ricorda che spesso riflettere troppo eradica il senso stesso della vita (qui in ogni senso!).
Si arriva poi con l’ultimo racconto alla naturale conclusione di questo percorso: realtà e fantasia si fondono, lo scrittore diventa protagonista e incontra alcuni personaggi dei racconti che compongono l’antologia. Moscatelli ha capito l’essenza di essere scrittori, quell’essenza che i mestieranti e scrittori di best-seller non potranno mai afferrare: scriviamo della vita, ma al tempo stesso cioè che è scritto diventa parte di essa. Grazie Aldo, per avermi fatto sentire meno solo.
In conclusione una raccolta che vale tutto il prezzo di copertina. Stupisce che questi racconti non abbiano fatto breccia presso altri editori. Se per l’opera precedente avevo nutrito qualche riserva, questa volta non ho dubbi sulla necessità di una pubblicazione di tale qualità. ( )
  Zeruhur | May 26, 2012 |
“Antologia per sognatori”, così vorrei ribattezzare questa raccolta di racconti. Nei dieci scritti, che eppure trattano temi disparati, io vedo un filo conduttore, la capacità di immaginare e di sognare e l’immortalità dei sogni. Dopo l’opera prima di Moscatelli, L’orologio di cenere, pregevole ma non eclatante noir, veniamo in contatto con un’anima eclettica, che attraverso l’allegoria disserta di temi importanti e non facili. Non cade nella filosofia spicciola che caratterizza troppi autori, eppure riesce a essere immediato in, passatemi l’ossimoro, una semplicità complessa.Se il primo racconto risulta piuttosto ermetico e il secondo è un chiaro manifesto anti-militarista, con il terzo si raggiunge già la vetta con un delicatissimo inno ai sognatori di ogni dove: Il custode dei segreti sommersi è uno scritto davvero notevole e il riferimento autobiografico contenuto non fa che aggiungere valore, oltre al fatto che personalmente lo trovo di una dolcezza incredibile. L’altro scritto che mi ha colpito maggiormente è l’allegoria di Storia del melo e della triste piantina che ci ricorda che spesso riflettere troppo eradica il senso stesso della vita (qui in ogni senso!).
Si arriva poi con l’ultimo racconto alla naturale conclusione di questo percorso: realtà e fantasia si fondono, lo scrittore diventa protagonista e incontra alcuni personaggi dei racconti che compongono l’antologia. Moscatelli ha capito l’essenza di essere scrittori, quell’essenza che i mestieranti e scrittori di best-seller non potranno mai afferrare: scriviamo della vita, ma al tempo stesso cioè che è scritto diventa parte di essa. Grazie Aldo, per avermi fatto sentire meno solo.
In conclusione una raccolta che vale tutto il prezzo di copertina. Stupisce che questi racconti non abbiano fatto breccia presso altri editori. Se per l’opera precedente avevo nutrito qualche riserva, questa volta non ho dubbi sulla necessità di una pubblicazione di tale qualità. ( )
  Zeruhur | May 26, 2012 |
Showing 2 of 2
no reviews | add a review
You must log in to edit Common Knowledge data.
For more help see the Common Knowledge help page.
Series (with order)
Canonical title
Original title
Alternative titles
Original publication date
People/Characters
Important places
Important events
Related movies
Awards and honors
Epigraph
Dedication
First words
Quotations
Last words
Disambiguation notice
Publisher's editors
Blurbers
Publisher series
Original language

References to this work on external resources.

Wikipedia in English

None

Book description
Haiku summary

No descriptions found.

No library descriptions found.

Quick Links

Popular covers

None

Rating

Average: (4)
0.5
1
1.5
2
2.5
3
3.5
4 1
4.5
5

Is this you?

Become a LibraryThing Author.

 

About | Contact | Privacy/Terms | Help/FAQs | Blog | Store | APIs | TinyCat | Legacy Libraries | Early Reviewers | Common Knowledge | 126,338,202 books! | Top bar: Always visible