HomeGroupsTalkZeitgeist
Hide this

Results from Google Books

Click on a thumbnail to go to Google Books.

Olympia: Festival of Nations and Festival of…
Loading...

Olympia: Festival of Nations and Festival of Beauty [1938 film]

by Leni Riefenstahl (Director/Screenwriter)

MembersReviewsPopularityAverage ratingConversations
111820,536NoneNone

None.

None
Loading...

Sign up for LibraryThing to find out whether you'll like this book.

No current Talk conversations about this book.

Olympia è un film del 1938 diretto da Leni Riefenstahl che documenta i Giochi olimpici di Berlino 1936. Il film, primo documentario mai girato su un'Olimpiade, è diviso in due parti: Olympia - Festa di popoli (in tedesco Olympia: Fest der Völker), lunga 123 minuti, e Olympia - Festa di bellezza (Olympia Fest der Schönheit), lunga 94 minuti. Nel documentario furono utilizzate molte tecniche cinematografiche innovative per l'epoca che successivamente sarebbero diventate standard del cinema: dalle novità sugli angoli delle inquadrature ai primi piani estremi, ai binari nello stadio per fotografare la folla. La tecnica utilizzata è unanimemente ammirata dai critici, anche se sul film sono sorte ovvie controversie per quanto riguarda il contenuto politico.
Il documentario, commissionato dal Comitato Olimpico Internazionale, segue passo dopo passo le Olimpiadi che si tennero a Berlino dal 1 al 16 agosto del 1936. Tutte le gare vengono seguite: dalla cerimonia della torcia venuta dalla Grecia alle gare ginniche. Fra i frammenti ripresi dalla Riefenstahl immagini di massa del pubblico e delle personalità che hanno preso parte all'evento sportivo (per citarne un paio Hitler che apre ufficialmente i giochi e Umberto II di Savoia che saluta la squadra italiana). La natura propagandistica del documentario traspare dal film. Il nodo è definire se questo sia un film voluto dal Terzo Reich per esaltare il regime, come da molti viene considerato il film precedente di Leni Riefenstahl, Il trionfo della volontà. In realtà, i Giochi olimpici del 1936 sono stati definiti le "Olimpiadi di Hitler", e senza dubbio il regime nazista sfruttò la manifestazione per magnificare il Terzo Reich, e da questo punto di vista qualsiasi film che documentasse accuratamente l'evento potrebbe essere considerato propagandistico, una tesi questa sostenuta dalla maggioranza dei critici cinematografici.
Ma i difensori[chi?] della Riefenstahl puntano sul primo piano dedicato all'espressione di disappunto mostrata da Hitler quando l'afroamericano Jesse Owens vinse una delle sue quattro medaglie d'oro, quella nel salto in lungo. Un'inquadratura nella quale alcuni leggono un tacito dissenso sulle dottrine naziste sulla supremazia razziale.[senza fonte] Nel film, del resto, tutti i vincitori non-ariani vengono ugualmente ripresi. Per valutare la pellicola c'è da aggiungere il ben documentato legame della Riefenstahl con Hitler e con altre figure di alto rango del regime. Ma per la bellezza di riprese e montaggio e per le tecniche innovative utilizzate Olympia è considerato ugualmente uno dei più bei film del secolo. Olympia pose le basi per i futuri film che documentano le Olimpiadi, e in particolare quelle estive. La cerimonia della torcia olimpica, oggi considerata un'antica tradizione, fu concepita per la prima volta proprio a Berlino su un progetto che la Riefenstahl elaborò per conto dal gerarca nazista Carl Diem. Nel 2005 la rivista Time ha inserito Olympia fra i 100 film più belli degli ultimi 80 anni. Alcune scene di Olympia sono state usate dalla band tedesca Rammstein nel video della canzone Stripped. Fu presentato alla Mostra di Venezia, dove ottenne un buon successo e il premio la "Coppa Mussolini"
Fonte: Wikipedia
  videotecadsu | Jul 11, 2016 |
no reviews | add a review
You must log in to edit Common Knowledge data.
For more help see the Common Knowledge help page.
Series (with order)
Canonical title
Original title
Alternative titles
Original publication date
People/Characters
Important places
Important events
Related movies
Awards and honors
Epigraph
Dedication
First words
Quotations
Last words
Disambiguation notice
Publisher's editors
Blurbers
Publisher series
Original language

References to this work on external resources.

Wikipedia in English

None

Book description
Haiku summary

No descriptions found.

German filmmaker Leni Riefenstahl's documentary of the 1936 Olympics in Berlin.

Quick Links

Swap Ebooks Audio

Popular covers

Rating

Average: No ratings.

Is this you?

Become a LibraryThing Author.

 

You are using the new servers! | About | Privacy/Terms | Help/FAQs | Blog | Store | APIs | TinyCat | Legacy Libraries | Early Reviewers | Common Knowledge | 117,109,244 books! | Top bar: Always visible