HomeGroupsTalkZeitgeist
This site uses cookies to deliver our services, improve performance, for analytics, and (if not signed in) for advertising. By using LibraryThing you acknowledge that you have read and understand our Terms of Service and Privacy Policy. Your use of the site and services is subject to these policies and terms.
Hide this

Results from Google Books

Click on a thumbnail to go to Google Books.

The Ship of Fools by Sebastian Brandt
Loading...

The Ship of Fools (edition 1971)

by Sebastian Brandt

MembersReviewsPopularityAverage ratingMentions
241468,213 (3.71)10
Member:Django6924
Title:The Ship of Fools
Authors:Sebastian Brandt
Info:Folio Society, London
Collections:Your library
Rating:
Tags:None

Work details

The Ship of Fools by Sebastian Brant

Loading...

Sign up for LibraryThing to find out whether you'll like this book.

No current Talk conversations about this book.

» See also 10 mentions

English (3)  Spanish (1)  All languages (4)
Showing 3 of 3
Questo post recensione ha origine da una conversazione nata su Facebook a proposito di una frase di Petrarca: "I libri condussero alcuni alla saggezza, altri alla follia." Qualche anno dopo Petrarca, a Basilea nel 1494, venne pubblicato un libro in occasione del carnevale. L'autore Sebastian Brant, (1457-1521) mise tutti i folli su una nave, che poi è la nave della vita. Una gentile amica mi ha chiesto se su Facebook siamo saggi o folli. Io ho risposto che dai tempi di Petrarca i libri sono cambiati. Non sono più quelli di prima, ma la follia continua ad imperversare, anche se in forma diversa. Magari digitale.

"La Nave dei folli” è uno di quei libri di cui tutti parlano, citato mille volte, ma che pochi conoscono. Composta da oltre settemila versi in rime baciate, l’opera è un grottesco e disastroso viaggio dei matti che nella concezione di Brant, a cavallo tra tardo medioevo e rinascimento, sono tutt’uno con i peccatori, verso il naufragio finale che precede la quaresima, metafora dell’eterna punizione se non interviene il pentimento.

Testo straordinario per la sua “contabilità”, scorrevolezza e pregnanza, “La nave dei folli” è forse il libro tedesco che ha avuto più fortuna nei secoli: un grande classico che si colloca nella scissura tra vecchio e nuovo mito, a conclusione del Gotico e a inaugurazione dell’invenzione del nuovo mondo. Brant, nato a Strasburgo ma vissuto a Basilea dove insegnò a quella università, fu uno dei primi “ consulenti editoriali” della storia: seppe servirsi della stampa in maniera moderna.

Raccolse intorno a sé una equipe di illustratori, il principale dei quali fu Albrecht Durer, che eseguirono le xilografie che illustrano l’opera, composta dunque da una “colonna sonora” e da un indissolubile commento grafico, sì da articolare una irresistibile “Totentanz”, tragica ma non priva di tocchi umoristici: clamorosa satira, coloratissima “festa dei pazzi”, orrenda e allegra kermesse che nella sua straordinaria giocosità è fonte di sicuro divertimento, ma anche momento di attenta meditazione per ciascun lettore.

DEI LIBRI INUTILI

Di stolti e pazzi la ridda precedo
Ché molti libri attorno a me pur vedo
Che io non leggo e in cui neppure credo.
Se io per primo sulla Nave siedo,
Non è senza ragione, lo concedo:
Con i libri da sempre ho un gran daffare
E molti ne ho saputo accumulare.
Spesso neppure un'acca ne comprendo,
Eppure grande onore loro rendo:
Di scacciarne le tarme mi accontento.
Se di scienze si fa ragionamento,
"A casa tutto questo tengo!" esclamo,
Ché d'aver libri attorno, altro non bramo.
Di Tolomeo il gran re si sente dire
Che di libri ne avesse a non finire
D'ogni parte del mondo radunati
E a guisa di tesori venerati.
Ma molti stavan solo ad occupare
Spazio, senza al gran re nulla insegnare.
Al par di lui, io ne possiedo molti,
Ma ben di rado ne ho consigli colti.
Forse che dovrei rompermi la testa
Per farne di nozioni una gran cesta?
Chi troppo studia, si riduce scemo!
E come un gran signor, certo non temo
Di pagare chi impari al posto mio!
Sono tardo di mente, è questo il fio:
Ma quando siedo col sapiente e il dotto,
Ho pronto l' "ita!" e qualche altro motto
Che possa voler dire "son d'accordo".
Che qui siamo tedeschi, ben ricordo.
Ne mastico assai poco, di latino.
So che vinum vuol dire proprio vino,
Che gucklus vuole dire semplicione
E stultus chi ne ha poca, di ragione,
E che "domine doctor!" son chiamato,
E da tutti, ed ovunque, rispettato.
Sulla testa il berretto uso calzare,
Dell'asino le orecchie per celare. ( )
  AntonioGallo | Nov 2, 2017 |
Brought this on a solo flight, I forget where to. Sometimes I'll bring "should read" books on airplanes because there is literally nothing else to do, and so I can get through stuff that may be tough going. This book, however, was surprisingly good. Easier to read than I thought, more enjoyable, and of course great illustrations. ( )
  browsers | May 5, 2016 |
German Classic
  Budzul | May 31, 2008 |
Showing 3 of 3
no reviews | add a review
You must log in to edit Common Knowledge data.
For more help see the Common Knowledge help page.
Series (with order)
Canonical title
Original title
Alternative titles
Original publication date
People/Characters
Important places
Important events
Related movies
Awards and honors
Epigraph
Dedication
First words
Quotations
Last words
Disambiguation notice
Publisher's editors
Blurbers
Publisher series
Original language
Canonical DDC/MDS

References to this work on external resources.

Wikipedia in English

None

Book description
Dover Publications product description. This edition was translated by Edwin H. Zeydel. The precise illustrations described here may not apply to other editions of this book. Definitive English language edition of influential (1494) allegorical classic. Sweeping satire of weaknesses, vices, grotesqueries of the day. Includes 114 royalty-free illustrations.

Folio Society edition translated by William Gillis. Hardbound, cloth covered, with blue inked decorations on front, back and spine. This edition was originally issued with a plain but protective slip case. Only the spine carries the title of the book and the FS Logo. The original wood cut illustrations appear in this edition with some changes noted in the introduction by the translator's wife.
Haiku summary

Amazon.com Product Description (ISBN 0486257916, Paperback)

Definitive English language edition of influential (1494) allegorical classic. Sweeping satire of weaknesses, vices, grotesqueries of the day. Includes 114 royalty-free illustrations.

(retrieved from Amazon Thu, 12 Mar 2015 18:14:47 -0400)

(see all 2 descriptions)

Definitive English language edition of influential (1494) allegorical classic. Sweeping satire of weaknesses, vices, grotesqueries of the day. Includes 114 royalty-free illustrations.

(summary from another edition)

Quick Links

Popular covers

Rating

Average: (3.71)
0.5
1 1
1.5
2
2.5
3 6
3.5 2
4 5
4.5 1
5 4

Is this you?

Become a LibraryThing Author.

 

About | Contact | Privacy/Terms | Help/FAQs | Blog | Store | APIs | TinyCat | Legacy Libraries | Early Reviewers | Common Knowledge | 128,959,865 books! | Top bar: Always visible