HomeGroupsTalkZeitgeist
Hide this

Results from Google Books

Click on a thumbnail to go to Google Books.

Guerre économique et information by Didier…
Loading...

Guerre économique et information

by Didier Lucas

MembersReviewsPopularityAverage ratingConversations
312,001,085 (3)None
Recently added bygagliano, poorrichard, crid

None.

None
Loading...

Sign up for LibraryThing to find out whether you'll like this book.

No current Talk conversations about this book.

I due analisti francesi - il primo docente di Scienza della gestione all'Università di Parigi III e il secondo direttore della cellula di guerra economica del Ministero della difesa francese - nota con l'acronimo C4ifr - e docente all'EGE - affrontano in questo saggio con grande chiarezza sia gli aspetti principali della guerra di informazione sia le tattiche controinformative messe in atto da diverse ong e associazioni antagoniste francesi e americane contro le industrie petrolifere, contro la mondializzazione e contro gli ogm. La guerra della informazione, benchè non costituisca un nuovo paradigma della guerra moderna (fu anticipata dalla "Retorica" di Aristotele e da Sun-tzu), implica tuttavia una sintassi specifica soprattutto quando si applica alla dimensione economica. Affinchè sia efficace è necessario partire - in primo luogo - dall'assunto secondo il quale l'informazione non è soltanto un vettore di conoscenza ma costituisce anche una potente ed efficace arma offensiva ed - in secondo luogo - è necessario prendere atto che sia l'approccio della scuola del Komintern alla guerra della informazione - che pone l'enfasi sulla disinformazione e sulla manipolazione -, che quello maoista - che si pone in essere attraverso la controinformazione - si sono rivelate metodologie di grande efficacia. Al di là delle riflessioni strategiche compiute da Herzog nel 1915 sulla necessità di servirsi della guerra della informazione per affrontare in modo efficace la competizione economica - alle quali gli autori attribuiscono un grande rilievo storico -, non c'è dubbio alcuno che la strategia sovietica - già a partire dagli anni venti - avesse dimostrato una potenza di penetrazione e manipolazione psicologica di indiscutibile valore come si evince agevolmente dalla propaganda antimilitarista promossa nel 1923, dalla campagna di disinformazione promossa presso il pubblico occidentale nel 1946 a proposito del dissidente sovietico antistalinista Kravchenco o, infine, dalla efficienza controinformativa dimostrata dall'agente di influenza Patrè nel 1959. Ebbene, una riflessione disinibita e realistica insieme delle tecniche messe in atto dalle ong - come Greenpeace - o da associazini antimondialiste - come Attac della cui capacità controinformativa gli autori forniscono una analisi magistrale - dimostra la sostanziale continuità metodologica con le tecniche manipolatorie e controinformative dell'Urss durante la guerra fredda. Ben lungi dal volere presentare al lettore europeo una manuale esaustivo sulle principali tecniche di guerra della informazione, gli autori indicano alcune tecniche argomentative e di mobilitazione antagonista usate dalle ong e dalla associazioni no global e, fra queste, l'utilizzazione della trasparenza informativa -attraverso una ampia publicizzazione - per spiazzare l'avversario -, l'implosione delle contraddizioni dell'avversario, l'utilizzazione della società civile come cassa di risonanza, l'organizzazione di manifestazioni pubbliche (sit-in o boicottaggi), le pressioni sulla stampa e sulle istituzioni politiche e religiose, la drammatizzazione - che può raggiungere toni apocalittici -, la squalificazione dell'avversario o l'erosione graduale della credibilità politica e morale dell'avversario. Ebbene, sia per far fronte all'antagonismo ideologico delle associazioni no global sia per contrastare la guerra economica messa in atto dal governo americano contro l'industria francese sia soprattutto per salvaguardare i rilevanti interessi economici della Francia in Europa e nel mondo, sono state realizzate la Ecole de guerre economique e una cellula all'interno del Ministero della difesa - denominata C4ifr - allo scopo di prevenire e - sorta nel 1994 - di contrastare rapidamente le strategie controinformative dei soggetti antagonisti.
  gagliano | Jul 18, 2009 |
no reviews | add a review
You must log in to edit Common Knowledge data.
For more help see the Common Knowledge help page.
Series (with order)
Canonical title
Original title
Alternative titles
Original publication date
People/Characters
Important places
Important events
Related movies
Awards and honors
Epigraph
Dedication
First words
Quotations
Last words
Disambiguation notice
Publisher's editors
Blurbers
Publisher series
Original language

References to this work on external resources.

Wikipedia in English

None

Book description
Haiku summary

No descriptions found.

No library descriptions found.

Quick Links

Swap Ebooks Audio

Popular covers

Rating

Average: (3)
0.5
1
1.5
2
2.5
3 2
3.5
4
4.5
5

Is this you?

Become a LibraryThing Author.

 

About | Contact | Privacy/Terms | Help/FAQs | Blog | Store | APIs | TinyCat | Legacy Libraries | Early Reviewers | Common Knowledge | 120,828,290 books! | Top bar: Always visible