HomeGroupsTalkZeitgeist
This site uses cookies to deliver our services, improve performance, for analytics, and (if not signed in) for advertising. By using LibraryThing you acknowledge that you have read and understand our Terms of Service and Privacy Policy. Your use of the site and services is subject to these policies and terms.
Hide this

Results from Google Books

Click on a thumbnail to go to Google Books.

Mercenario dello sviluppo by De Sillo…
Loading...

Mercenario dello sviluppo

by De Sillo Daniele

MembersReviewsPopularityAverage ratingConversations
113,689,591NoneNone
Recently added bylombricosociale

None.

None
Loading...

Sign up for LibraryThing to find out whether you'll like this book.

No current Talk conversations about this book.

Recensione di Pantaleo Maurizio per Agronomi Forestali n° 4/06

Non capita spesso di leggere un libro scritto da un agronomo che parli della propria esperienza professionale e umana: ancora più rare sono le opportunità di trovare dei testi dove si parli, con disarmante lucidità, delle ricadute della cooperazione allo sviluppo nei Paesi in Via di Sviluppo.
Il libro del giovane collega Daniele De Sillo, iscritto all’Ordine di Roma e cooperante a 26 anni dopo la laurea conseguita presso l’Università della Tuscia, è di fatto la raccolta di un epistolario di 40 mail scritte in due anni di attività in Malawi nel tentativo, materialmente riuscito, di creare una fattoria nel mezzo della savana, come responsabile del progetto di cooperazione, “Utawaleza Farm” (Fattoria Arcobaleno). Dall’apparente leggerezza del diario della propria esperienza di agronomo, nasce uno spaccato e un’analisi della vita vissuta pienamente in un Paese, fra gli ultimi del mondo, dove la gente “è vittima di politiche legate proprio ad un distorto uso della cooperazione che si trasforma in una “dolce catena” che li lega ai donatori e che impedisce il loro vero sviluppo”.
L’ambizione e l’entusiasmo del giovane agronomo sono proprio lì nei primi capitoli, quando ci trasmette l’emozione dell’acqua che scaturisce dal primo pozzo, o la sua gioia nel vedere le prime colture crescere o la sua soddisfazione davanti agli 800 alberi attecchiti intorno all’azienda; e andando avanti si trovano le stesse angosce e le stesse soddisfazioni di tutti noi che traiamo da questo meraviglioso lavoro. Affascina il verificare che anche lui si è reso conto che, per far bene il proprio lavoro, deve essere anche sociologo, antropologo, filosofo ed economista, oltre che agronomo! Ma quello che mi ha colpito di questo scritto inserito nella collana “Diario Minimo” dell’editore Memori Scarl non è il racconto di un professionista: è la possibilità di vivere, pagina dopo pagina, la crescita umana e personale di chi, per lavoro, è chiamato ad affrontare e a confrontarsi con temi scottanti e attuali come gli aiuti umanitari, l’uso di sementi OGM, la cancellazione dei debiti ai PVS, le adozioni a distanza, le campagne del World Food Program, tutta la logica della cooperazione allo sviluppo.
Colpisce quindi l’evoluzione del suo pensiero delle ultime pagine che, sulla base delle proprie esperienze, lo porta a definirsi “mercenario dello sviluppo”; fa pensare la sua cruda disamina degli effetti della politica degli aiuti umanitari, delle donazioni e delle campagne internazionali; imbarazza talvolta la disinvoltura con cui affronta temi come razzismo, carestie e politiche agricole sconsiderate di un continente, che lui sicuramente ama quanto critica, alla fine della sua esperienza formativa in Malawi. Un bel testo, che inizia con una dichiarazione che mi ha fatto apprezzare quanto orgoglio ci sia nel fare e nell’essere parte della nostra Categoria: “Sono un Agronomo!”. Complimenti al giovane collega e spero che altri leggano il suo libro, perché le sue “parole di mercenario”, anche se nate da esperienze fortemente personali, aiutano a riflettere per cercare di individuare la vera via della cooperazione finalizzata allo sviluppo, se mai ce ne sia il bisogno.
  lombricosociale | Oct 26, 2007 |
no reviews | add a review
You must log in to edit Common Knowledge data.
For more help see the Common Knowledge help page.
Series (with order)
Canonical title
Original title
Alternative titles
Original publication date
People/Characters
Important places
Important events
Related movies
Awards and honors
Epigraph
Dedication
First words
Quotations
Last words
Disambiguation notice
Publisher's editors
Blurbers
Publisher series
Original language

References to this work on external resources.

Wikipedia in English

None

Book description
Haiku summary

No descriptions found.

No library descriptions found.

Quick Links

Popular covers

Rating

Average: No ratings.

Is this you?

Become a LibraryThing Author.

 

About | Contact | Privacy/Terms | Help/FAQs | Blog | Store | APIs | TinyCat | Legacy Libraries | Early Reviewers | Common Knowledge | 126,443,777 books! | Top bar: Always visible