HomeGroupsTalkZeitgeist
Hide this

Results from Google Books

Click on a thumbnail to go to Google Books.

Rosso e nero by Renzo De Felice
Loading...

Rosso e nero (1995)

by Renzo De Felice

MembersReviewsPopularityAverage ratingConversations
153647,891 (4)None

None.

None
Loading...

Sign up for LibraryThing to find out whether you'll like this book.

No current Talk conversations about this book.

Italian (2)  Spanish (1)  All (3)
Showing 3 of 3
Renzo De Felice, massimo storico italiano, autore della biografia di Benito Mussolini, di cui si aspetta l’ultimo volume (Mussolini. L’Alleato La guerra civile), ha consentito che un giornalista — Pasquale Chessa, vicedirettore di “Panorama” per gli affari culturali — entrasse nel suo laboratorio storiografico. Ne è scaturito un libro con due anime: dell’intervista giornalistica ha il pregio della sintesi e le tensioni dell’attualità, del saggio storico ha la profondità dei temi e la forza dei documenti, spesso inediti. Unico lo scopo. Spiegare la crisi del tempo presente riscoprendo tutte le verità, anche le più dolorose, del passato, per rispondere alla domanda chiave: perché, dopo cinquant’anni, la cultura di questo paese non è riuscita e, tutto sommato, non vuole fare i conti con la sua storia? “La Resistenza è stata un grande evento storico. Nessun ‘revisionismo’ riuscirà mai a negarlo. Ma la storia, al contrario dell’ideologia e della fede, si basa sulla verità dei fatti piuttosto che sulle certezze assolute. Descrive il mondo come è stato, non come si vorrebbe che fosse stato. Una vulgata storiografica, aggressivamente egemonica, costruita per ragioni ideologiche, spesso usata per scopi politici, ha creato, invece, una serie di stereotipi che ci hanno impedito di dipanare quell’intricata matassa in cui si aggrovigliano i nodi irrisolti degli ultimi cinquant’anni della storia d’Italia.
“Il dramma vissuto dagli italiani fra l’8 settembre 1943 e il 25 aprile 1945, è stato sfigurato da una storiografia che ha ridotto la Resistenza a oggetto di culto. È stata invece una pagina fondamentale della storia d’Italia che bisogna studiare, con l’etica della scienza, per capire il danno alla moralità nazionale consumato in quel biennio e le ragioni della mancata ricostituzione di quel tessuto morale andato perduto. ( )
  BiblioLorenzoLodi | Nov 9, 2015 |
Hisorico
  Maak-Books | Mar 13, 2014 |
Renzo De Felice, massimo storico italiano, autore della biografia di Benito Mussolini, di cui si aspetta l'ultimo volume (Mussolini. L'Alleato - La guerra civile), ha consentito che un giornalista - Pasquale Chessa, vicedirettore di "Panorama" per gli affari culturali - entrasse nel suo laboratorio storiografico. Ne è scaturito un libro con due anime: dell'intervista giornalistica ha il pregio della sintesi e le tensioni dell'attualità, del saggio storico ha la profondità dei temi e la forza dei documenti, spesso inediti. Unico lo scopo. Spiegare la crisi dcl tempo presente riscoprendo tutte le verità, anche le più dolorose, del passato, per rispondere alla domanda chiave: perché, dopo cinquant'anni, la cultura di questo paese non è riuscita e, tutto sommato, non vuole fare i conti con la sua storia? "La Resistenza è stata un grande evento storico. Nessun 'revisionismo' riuscirà mai a negarlo. Ma la storia, al contrario dell'ideologia e della fede, si basa sulla verità dei fatti piuttosto che sulle certezze assolute. Descrive il mondo come è stato, non come si vorrebbe che fosse stato. Una vulgata storiografica, aggressivamente egemonica, costruita per ragioni ideologiche, spesso usata per scopi politici, ha creato, invece, una serie di stereotipi che ci hanno impedito di dipanare quell'intricata matassa in cui si aggrovigliano i nodi irrisolti degli ultimi cinquant'anni della storia d'Italia. "Il dramma vissuto dagli italiani fra 1'8 settembre 1943 e il 25 aprile 1945, è stato sfigurato da una storiografia che ha ridotto la Resistenza a oggetto di culto. È stata invece una pagina fondamentale della storia d'Italia che bisogna studiare, con l'etica della scienza, per capire il danno alla moralità nazionale consumato in quel biennio e le ragioni della mancata ricostituzione di quel tessuto morale andato perduto. ( )
  BiblioLorenzoLodi | Mar 7, 2012 |
Showing 3 of 3
no reviews | add a review
You must log in to edit Common Knowledge data.
For more help see the Common Knowledge help page.
Series (with order)
Information from the Italian Common Knowledge. Edit to localize it to your language.
Canonical title
Information from the Italian Common Knowledge. Edit to localize it to your language.
Original title
Alternative titles
Original publication date
Information from the Italian Common Knowledge. Edit to localize it to your language.
People/Characters
Important places
Important events
Related movies
Awards and honors
Epigraph
Dedication
First words
Information from the Italian Common Knowledge. Edit to localize it to your language.
Dal primato della politica al primato della storia: qual è il nesso che lega il malessere morale, culturale ee politico di oggi con i nodi della storia di ieri?
Quotations
Last words
Information from the Italian Common Knowledge. Edit to localize it to your language.
(Click to show. Warning: May contain spoilers.)
Disambiguation notice
Publisher's editors
Blurbers
Publisher series
Information from the Italian Common Knowledge. Edit to localize it to your language.
Original language
Information from the Italian Common Knowledge. Edit to localize it to your language.

References to this work on external resources.

Wikipedia in English

None

Book description
Haiku summary

No descriptions found.

No library descriptions found.

Quick Links

Popular covers

Rating

Average: (4)
0.5
1
1.5
2
2.5
3
3.5
4 1
4.5
5

Is this you?

Become a LibraryThing Author.

 

About | Contact | Privacy/Terms | Help/FAQs | Blog | Store | APIs | TinyCat | Legacy Libraries | Early Reviewers | Common Knowledge | 125,501,339 books! | Top bar: Always visible