HomeGroupsTalkZeitgeist
Hide this

Results from Google Books

Click on a thumbnail to go to Google Books.

La comunicazione interculturale: competenze…
Loading...

La comunicazione interculturale: competenze e pratiche

by Ida Castiglioni

MembersReviewsPopularityAverage ratingConversations
113,689,591 (3)None
Recently added byMareMagnum

None.

None
Loading...

Sign up for LibraryThing to find out whether you'll like this book.

No current Talk conversations about this book.

Il tema della competenza interculturale è di grande attualità in questi ultimi anni e investe vari settori, dalle aziende alla scuola, ai servizi. Questo libro ha l'obiettivo di fornire un'introduzione concettuale e pratica allo stesso tempo della comunicazione interculturale, secondo una prospettiva evolutiva che accompagna il lettore in un percorso di scoperta della propria dimensione culturale nel confronto con le altre realtà. I temi centrali dello studio della comunicazione interculturale si basano sull'organizzazione del modello dinamico di sensibilità interculturale di Milton J. Bennett e sono accompagnati da esercizi e spunti di riflessione che ne approfondiscono la comprensione da un punto di vista esperienziale.

"Intercultura" dovrebbe voler dire rapporto tra due o più culture che comporta l'arricchimento reciproco. Ma un arricchimento reciproco di valori, usi, costumi, tradizioni implica la possibilità e anzi la necessità di una reciproca modificazione. Si è quel che si è, ma quando si viene a contatto con qualcuno diverso da noi, si diventa quel che si diventa.

Oggi tuttavia quando noi parliamo di "intercultura" dobbiamo per forza intenderla come frutto di una situazione economica basata su rapporti iniqui tra Stati forti e Stati deboli o, se si preferisce, tra "sviluppo" (capitalistico) e "sottosviluppo" (coloniale o neocoloniale, intendendo con questo termine una dipendenza soprattutto di tipo economico).

Sono più le cosiddette "culture altre" (cioè non occidentali, non capitalistiche) a integrarsi con noi, che non noi con loro. Le "culture altre" vengono da noi come "perdenti", come già sconfitte dal confronto culturale (che prima di essere "culturale" è economico, tecnologico, militare).

Non è un confronto alla pari, proprio perché l'intercultura è soltanto il frutto di un processo di immigrazione unilaterale, da Sud a Nord, e ora anche da Est a Ovest.

Chi viene da noi non è particolarmente interessato a conservare la propria cultura, al massimo tende a conservare la propria religione e, finché gli riesce facile, conserva la propria lingua. Se i figli degli stranieri sono nati in Italia, tendono a non ricordare neppure la lingua dei propri genitori.

Quando i processi immigratori sono definitivi, senza soluzione di continuità, cioè da Sud a Nord e da Est a Ovest, l'intercultura non è che un'integrazione all'interno della cultura dominante.

L'intercultura sarebbe un processo d'integrazione reciproca se i processi migratori non fossero irreversibili, e se fossero bidirezionali.

Nella storia delle civiltà non esistono processi d'intercultura democratici: sono tutti avvenuti in maniera forzata, causati da motivi oggettivi: miseria, fame, persecuzioni politiche o religiose, tratta di schiavi...

Se vogliamo ch'esistano processi d'integrazione democratici dobbiamo fare in modo che non esistano processi di condizionamento oggettivo che obbligano a emigrare.

L'intercultura dovrebbe diventare l'esito di una scelta libera e consapevole, in cui tutti i soggetti coinvolti si sentono uguali, con gli stessi diritti fondamentali (il primo dei quali è il diritto ad essere se stessi ovunque si vada).

Senza libertà diventa un'utopia o una forma di fanatismo il desiderio di conservare la propria cultura venendo a contatto con le altre. Senza libertà reciproca, uguale per tutti, non può nascere il desiderio di accettare volontariamente le culture diverse dalla propria.

La percezione che l'integrazione culturale non sia un atto costrittivo o limitativo viene meno quando si avverte l'integrazione come un arricchimento della propria cultura di appartenenza. Senza libertà ci sarà soltanto la vergogna di possedere una cultura inferiore, perdente e quindi, a seconda dei casi, maturerà o la rassegnazione nei confronti delle culture dominanti o il risentimento che porta al rifiuto della diversità.

Sicché mentre gli "altri" dovranno fare lo sforzo d'integrarsi alla nostra cultura, "noi" dovremo soltanto fare lo sforzo di accettare una presenza ingombrante, imprevista, che mentre sul piano culturale non ha niente da dirci, su quello economico può anche apparirci come occasione per realizzare nuovi profitti (vedi lo sfruttamento della manodopera a basso costo).

Noi raramente ci chiediamo cosa rappresentino le "culture altre", diverse dalla nostra. Non ce lo chiediamo perché siamo convinti che la cultura "borghese" (che non definiamo neppure con questo termine, in quanto essa ci appare come cultura qua talis, senza aggettivi, in quanto unica vera cultura), che è quella industriale, capitalistica, sul piano storico o, geograficamente parlando, "occidentale", sia la migliore del mondo, sicuramente la migliore di tutte le culture espresse dalle civiltà che ci hanno preceduto.

Per noi, accettare le altre culture significa soltanto aver la pazienza di sopportare una diversità giudicata obsoleta, superata dalla storia, che per noi coincide con la "nostra storia". Noi dobbiamo sopportare che altri siano più indietro di noi, nella consapevolezza della nostra superiorità.

E in questo atteggiamento s'interseca, più o meno consapevolmente, la percezione che nelle sofferenze degli stranieri vi sia una qualche responsabilità dell'occidente. I più consapevoli infatti sanno che l'immigrazione è spesso frutto di rapporti economici iniqui (i cosiddetti "profughi economici" prevalgono nettamente su quelli "politici").

Il fatto è che fino a quando gli immigrati saranno costretti o si sentiranno costretti a venire da noi o se si sentiranno indotti dalle circostanze a diventare come noi, noi non capiremo mai se nelle loro culture (pre-borghesi o pre-capitalistiche) potevano o avrebbero potuto esserci elementi di critica o comunque di vera diversità nei confronti della nostra cultura o civiltà.

Noi possiamo partire dall'interscambio culturale per comprendere e affrontare i problemi socioeconomici che determinano i fenomeni migratori, che ci "costringono" in un certo senso all'intercultura. Ma possiamo anche affrontare da subito i suddetti problemi, per far sì che i fenomeni d'interscambio culturale avvengano nella maniera più spontanea e naturale possibile.

Ciò che fa problema non è il rischio di perdere la propria identità culturale nell'interscambio delle popolazioni, ma è il fatto che in tale interscambio alcune popolazioni sono costrette ad emigrare, altre no.

Noi occidentali, costringendo queste popolazioni, in un modo o nell'altro, a emigrare, dimostriamo soltanto di non possedere una cultura democratica. Non possiamo pertanto pretendere che gli stranieri si integrino nella nostra cultura.

Se siamo consapevoli dei processi iniqui che determinano i fenomeni migratori, e se questa consapevolezza è supportata dalla cosiddetta "buona fede", noi potremmo anche accettare le "culture altre" come occasione per rivedere i principi fondamentali della nostra cultura.

Nella misura in cui sono "pre-borghesi", le "culture altre" potrebbero aiutarci a recuperare non un passato definitivamente scomparso da noi, ma a impostare in maniera democratica la società del futuro, che deve avere dei principi autenticamente democratici, quei principi che nella nostra cultura non siamo stati capaci di formulare in maniera adeguata o che non siamo stati capaci di realizzare in maniera coerente.

Se decidessero di emanciparsi anche economicamente dall'occidente (e non solo politicamente, come dal dopoguerra ad oggi è avvenuto), i paesi del cosiddetto "terzo mondo" renderebbero più facile o più difficile l'integrazione culturale con l'occidente? cioè l'integrazione culturale tra i loro immigrati e noi nativi?

Se l'occidente vuole restare legato al proprio standard di benessere, è indubbio che l'integrazione sarà molto più difficile, anzi tenderà ad aumentare la xenofobia, il razzismo culturale, come sta aumentando adesso nei confronti dei cinesi, che di tutti gli stranieri sono quelli che più mettono in crisi la nostra economia di benessere.

Viceversa, se l'occidente vuole superare i principi del capitalismo, l'emancipazione dei paesi in via di sviluppo non può che favorire l'integrazione culturale.

* * *

Qualunque offesa sia stata recata da parte dell'uomo bianco, europeo o americano, alle altre popolazioni del mondo, foss'anche essa voluta per ignoranza o pregiudizio, costituisce un freno allo sviluppo del senso di umanità che dovrebbe caratterizzare ogni essere umano.

Chi pensa che le offese possano trovare una qualche giustificazione storica appellandosi alla grande superiorità tecnica, scientifica, economica, culturale dell'uomo bianco, diventa eo ipso complice, suo malgrado, di ogni passo indietro dell'umanità.

La storia infatti si preoccuperà di dimostrare che l'unico vero progresso dell'umanità sta nello sviluppo dei rapporti umani, che prescindono totalmente dalle forme in cui si manifestano.

La verità dei rapporti umani sta nell'umanità di questi rapporti - e questa è cosa che può essere compresa solo vivendola.

Quando prenderemo sul serio i guasti provocati dalla nostra disumanità, quando cominceremo a rapportarci in modo equilibrato nei confronti della natura, quando il diverso non sarà più considerato un nemico, quando i nemici del genere umano verranno affrontati con coraggio e non con rassegnazione - ecco, allora si sarà compiuto un altro passo lungo il cammino che porta alla dignità e alla libertà di tutti gli esseri umani.

Antropologia culturale - Storia del razzismo

Bibliografia

Curci Stefano; Nanni Antonio, Buone pratiche per fare intercultura, EMI
Tarozzi Massimiliano, Cittadinanza interculturale. Esperienza educativa come agire politico, La Nuova Italia
Giaccardi Chiara, La comunicazione interculturale, Il Mulino
Castiglioni Ida, La comunicazione interculturale: competenze e pratiche, Carocci
Senigaglia Cristiana, La comunità a più voci. Identità, pluralismo democratico e interculturalità nel comunitarismo contemporaneo, Franco Angeli
Martiradonna Angela, Donne, interculturalità e pace, Levante
Biagioli Raffaella, Educare all'interculturalità. Teorie, modelli, esperienze scolastiche, Franco Angeli
Giusti Mariangela, L'educazione interculturale nella scuola di base. Teorie, esperienze, narrazioni, La Nuova Italia
Di Modica Valeria; Di Rienzo Adriana; Mazzini Roberto,Le forme del gioco. Tecniche espressive per i laboratori interculturali, Carocci
Benvegnù Antonella; Frigato Sara; Tumiatti Irene, Il giardino di Tagore. Percorsi di educazione interculturale, EMI
InterCulture. Vol. 1: Il terrorismo del denaro, Città Aperta
Gennai Giuliana, Lessico interculturale, EMI
D'Alessandro Verena; Sciarra Monica, Multietnicità, pregiudizi, intercultura. Nuovi scenari e problematiche per le istituzioni formative, Franco Angeli
Trevisani Daniele, Negoziazione interculturale. Comunicare oltre le barriere culturali. Dalle relazioni interne sino alle trattative internazionali, Franco Angeli
Scalera Domenica, Polis interculturale mediterranea. Le acque del Mediterraneo lungo l'incontro tra culture diverse, EMI
Quaderni di pedagogia interculturale. Vol. 4: Valenze interculturali dell'educazione alla comunicazione, allo sport e al lavoro professionale, Rubbettino
I rapporti interculturali in Italia oggi. Una prospettiva antropologica, CLEUP
Chiarioni Tullia, Ti racconto una fiaba... La narrazione come percorso interculturale, Carocci
Gnisci Armando, Biblioteca interculturale. Via della decolonizzazione europea, Odradek
Spadaro Marina, Il Brasile è un aquilone. Intercultura tra sogno e realtà: la storia di un'esperienza educativa, Junior
Favaro Graziella; Fumagalli Manuela, Capirsi diversi. Idee e pratiche di mediazione interculturale, Carocci
Santipolo Matteo; Tosini Massimo; Tucciarone Silvestro, La comunicazione interculturale in ambito socio-sanitario, Libreria Editrice Cafoscarina
Di Nuovo Santo, Da stranieri a cittadini. Inserimento degli immigrati ed educazione interculturale in Sicilia, Città Aperta
Perlini Emanuela; Zambelli Davide, Danze e suoni dei Balcani. Con audiocassetta. Danze e coreografie tradizionali per bambini. Intercultura. Libro didattico con canzoni, Mela Music
Demetrio Duccio; Favaro Graziella, Didattica interculturale. Nuovi sguardi, competenze, percorsi, Franco Angeli
Portera Agostino, Educazione interculturale in famiglia, La Scuola
Bosi Alessandro, Il gioco delle appartenenze. La contrattazione sociale nell'educazione interculturale, Unicopli
Cervini Giovanna; Daviddi Massimo; Zorzan Laura, Identità e alterità: la formazione nel cambiamento. Nuove forme di socialità e ricerca interculturale, Franco Angeli
Infermieristica interculturale, Carocci
Pinto Minerva Franca, L'intercultura, Laterza
Papa Elena, Intercultura e formazione, Il Segnalibro
Mantovani Giuseppe , Intercultura. È possibile evitare le guerre culturali?, Il Mulino
Intercultura. Paideia per una nuova era, Pensa Multimedia
Intercultura. Riflessioni ed esperienze di educazione all'intercultura in ambito scolastico, EMI
L'intercultura: dalla A alla Z, Franco Angeli
Mediatori interculturali. Un'esperienza formativa, Sinnos
La mediazione interculturale. Dalla biografia alla professione, Franco Angeli
Mediterraneo. Mare di incontri interculturali, Progedit
Oltre le culture. Valori e contesti della comunicazione interculturale, Ibis
Ferretti Marco; Jabbar Adel; Lonardi Nora, Orientamenti per l'educazione interculturale. Riferimenti, concetti, parole chiave, Junior
Parole condivise. Intercultura e apprendimento della lingua italiana, Franco Angeli
Giusti Mariangela, Pedagogia interculturale. Teorie, metodologia, laboratori, Laterza
Prospettiva interculturale nei processi educativi. Differenze culturali: sfida o opportunità per la scuola? Riflessioni per un protocollo di accoglienza, CLEUP
De Santis M. Gabriella, Riflessioni sulla pedagogia interculturale, Aracne
Goglia Francesco; Brambati Simona M.; Mazza Martina, Il soggetto plurilingue. Interlingua, aspetti di neurolinguistica, identità e interculturalità, Franco Angeli
Triolo Riccardo, Vedere gli immigrati attraverso il cinema. Guida alla formazione interculturale, Guerra Edizioni Guru
Baraldi Claudio, Comunicazione interculturale e diversità, Carocci
Il confronto interculturale: dibattiti bioetici e pratiche giuridiche. Bioetica, diritti umani e multietnicità, San Paolo Edizioni
Corpi individuali e contesti interculturali, L'Harmattan Italia
Dall'integrazione all'intercultura, L'Harmattan Italia
Direzione intercultura?, Kora
Pasqualotto Giangiorgio, East & West. Identità e dialogo interculturale, Marsilio
Giornelli Gabriella; Maioli Adele, Educazione linguistica interculturale. Esplorare le basi della comunicazione non verbale, orale e scritta, Centro Studi Erickson
Facilitare i processi interculturali, Levante ( )
  MareMagnum | Apr 2, 2006 |
no reviews | add a review
You must log in to edit Common Knowledge data.
For more help see the Common Knowledge help page.
Series (with order)
Canonical title
Original title
Alternative titles
Original publication date
People/Characters
Important places
Important events
Related movies
Awards and honors
Epigraph
Dedication
First words
Quotations
Last words
Disambiguation notice
Publisher's editors
Blurbers
Publisher series
Original language

References to this work on external resources.

Wikipedia in English

None

Book description
Haiku summary

No descriptions found.

No library descriptions found.

Quick Links

Swap Ebooks Audio

Popular covers

Rating

Average: (3)
0.5
1
1.5
2
2.5
3 1
3.5
4
4.5
5

Is this you?

Become a LibraryThing Author.

 

About | Contact | Privacy/Terms | Help/FAQs | Blog | Store | APIs | TinyCat | Legacy Libraries | Early Reviewers | Common Knowledge | 119,696,269 books! | Top bar: Always visible