HomeGroupsTalkMoreZeitgeist
Search Site
This site uses cookies to deliver our services, improve performance, for analytics, and (if not signed in) for advertising. By using LibraryThing you acknowledge that you have read and understand our Terms of Service and Privacy Policy. Your use of the site and services is subject to these policies and terms.
Hide this

Results from Google Books

Click on a thumbnail to go to Google Books.

Expo 58: A Novel by Jonathan Coe
Loading...

Expo 58: A Novel (original 2013; edition 2014)

by Jonathan Coe

MembersReviewsPopularityAverage ratingMentions
3271660,457 (3.49)18
An English public employee becomes embroiled in a Soviet plot while he oversees the construction of an authentic British pub being showcased at the 1958 World's Fair in Brussels.
Member:stephenlang
Title:Expo 58: A Novel
Authors:Jonathan Coe
Info:New Harvest (2014), Hardcover, 288 pages
Collections:Your library
Rating:
Tags:None

Work details

Expo 58 by Jonathan Coe (2013)

Loading...

Sign up for LibraryThing to find out whether you'll like this book.

No current Talk conversations about this book.

» See also 18 mentions

Showing 1-5 of 16 (next | show all)
Coe, Jonathan (2013). Expo 58. London: Penguin. 2013. ISBN: 9780241966914. Pagine 288. 10,99 €

Jonathan Coe è uno scrittore molto discontinuo. Ha scritto almeno due romanzi molto profondi e molto belli, The House of Sleep e (soprattutto) The Rain Before it Falls (quest’ultimo l’ho recensito su questo blog, qui). Ha scritto altri romanzi molto divertenti o comunque interessanti (a mio insindacabile giudizio, naturalmente): What a Carve Up! (tradotto in italiano con il titolo La famiglia Winshaw), The Rotters’ Club e The Closed Circle (non ho letto i suoi primi due romanzi, The Accidental Woman e A Touch of Love). Ha scritto poi almeno due romanzi orrendi: The Dwarves of Death e The Terrible Privacy of Maxwell Sim (su quest’ultimo, che ho letto tempo fa, ma che mi è piaciuto talmente poco da avere ripugnanza a scriverne una recensione, interverrò tra poco, giusto per tener fede all’impegno di parlare sul blog di tutti i libri che leggo). A quale categoria appartiene Expo 58?

A una categoria nuova: quella del libro insignificante. Alla categoria della tiepidezza:

All’angelo della Chiesa di Laodicèa scrivi: «Così parla l’Amen, il Testimone fedele e verace, il Principio della creazione di Dio: “Conosco le tue opere: tu non sei né freddo né caldo. Magari tu fossi freddo o caldo! Ma poiché sei tiepido, non sei cioè né freddo né caldo, sto per vomitarti dalla mia bocca.”» [Apocalisse, 3, 14-16]


L’acquedotto di Laodicea, che trasportava acqua tiepida (torraccia.net)
Certa, Coe ha fatto tutti i compiti a casa: si è fatto intervistare dalla radio belga sull’Atomium, ha scritto il libro in una residenza fiamminga all’interno di un programma governativo di ospitalità per artisti, ha raccolto le memorie di una hostess all’Expo, ha consultato in biblioteca materiali dell’epoca (ivi inclusi Sputnik e le memorie di James Gardner, l’architetto del padiglione inglese), si è basato sul calendario ufficiale degli eventi, ha seguito la storia del pub Britannia durante e dopo l’esposizione … Ne è uscito un romanzo assolutamente insipido: e che altro vi potevate aspettare? a parte il fatto che il Belgio non è la location più eccitante del mondo, la vicenda è veramente debole, i personaggi di carta velina, l’umorismo frizzante come lo spumante la sera del 1° gennaio. ( )
  Boris.Limpopo | Apr 29, 2019 |
https://nwhyte.livejournal.com/3182652.html

I'm always on the lookout for books about Belgium, and this revolves around the great Expo 58, which put postwar Belgium firmly on the map and whose legacy remains in the north of the city. Thomas Foley is a mid-ranking mild-mannered civil servant who gets sent to Brussels to oversee part of the British cultural contribution, the Britannia pub in the UK pavilion. He gets involved in some not terribly believable spying scrapes, and in an entirely believable romantic intrigue (the two are of course linked). The distance across the channel was much greater in those days before cheap phone calls, let alone emails or the Channel Tunnel, and there's some very effective writing about the difficulties of communciation. There's also a very lovely passage where Foley finds the site of his Belgian mother's home near Leuven, before the first world war. And there is a nice coda set in 2009, wrapping up the various plot strands, more or less. Not great literature, but entertaining in a quiet way. ( )
  nwhyte | Apr 28, 2019 |
Inciampi

Scrittura very English con tutti quei "terribilmente" old style-pedanti-pesanti, ma molto in tema per una storia ambientata negli anni '60. L'Expo che si tenne a Bruxelles. Metti insieme persone da mezzo mondo per 6 mesi, un meltin' pot temporaneo di culture, universi, blocchi politici, intrighi e sentimento. Thomas sbarca nella capitale belga lasciando a casa una moglie e una figlioletta piccola con un sospiro di sollievo. Forse non era pronto, forse il matrimonio è stato un passaggio più automatico che desiderato, forse questa è l'occasione della sua ora di libertà. Le telefonate si diradano a causa anche delle comunicazioni non proprio efficientissime, le lettere viaggiano più o meno lente e come se non bastasse è sempre più difficile raccontare e raccontarsi. Il compito di Thomas sembra banale, e forse lo è. Ma è nella banalità che si possono inserire livelli di complessità senza dare nell'occhio. Ben presto Thomas diventa borderline e finisce in un intrigo spionistico surreale, talmente surreale che si rivela anche tremendamente vero. Egli stesso legge i libri di Fleming (che all'epoca stavano iniziando a riscuotere successo) e sovrappone gli stilemi comportamentali di Bond alle situazioni che si verificano nel suo soggiorno belga. A momenti diventa egli stesso Bond ma la rassomiglianza è breve e buffa. Nulla ha a che vedere un impiegatuccio ordinario con l'agente segreto sciupafemmine ed addestratissimo. Thomas perde la bussola, crede di sapere tutto ad un tratto cosa vuole dalla vita, crede di essersi liberato, spunta il salto e....e.... atterra e si schianta. Le trame tessute intorno a lui sono troppo intricate. Lui è solo un burattino attaccato a dei fili. Neanche i sentimenti riescono ad elevarlo. Biecamente si costruisce una realtà fasulla per avere un alibi, dimostrando soltanto di essere un codardo incapace di affrontare la sua vigliaccherìa. Come spessissimo accade nella vita vera, tornerà a casa con la coda fra le gambe, il castello di finzione sgretolato e lasciandosi vivere in una spenta quotidianità. L'ultimo colpo di grazia di una vita sprecata sarà quello di tornare a Bruxelles per guardare in faccia tutto quello che poteva essere e non è stato, unico gesto eroico di una vita all'insegna della rassegnazione. Tutto sommato si fa leggere. E' interessante la cornice storica, la realtà di una macchina organizzativa come l'Expo, la condivisione di una vita virtuale di una comunità provvisoria, le divisioni e la corsa agli armamenti, i blocchi monolitici, l'occidente da una parte e il blocco comunista dall'altra, il tutto agitato, mescolato, accennato, nascosto, sussurrato ma anche brutale e concreto nelle morti di alcuni personaggi... ma faticoso e non entusiasmante. "La famiglia Winshaw" è una vetta con la quale Coe dovrà fare i conti per molto tempo ancora: genio fulmineo e gloria nell'alto dei cieli ma anche dannata pietra di paragone al cui cospetto è difficile sottoporre qualcosa che la eguagli.
  Magrathea | Dec 30, 2017 |
A highly amusing and readable novel, “Expo 58” features the World Fair in Brussels in 1958. In it, Jonathan Coe explores the British attitudes to Europe at the time (and even today), through the eyes of Thomas Foley, who is selected from the Central Office of Information to oversee the Britannia pub which is a major par of the British exhibit.
Coe pokes fun at the persona of the spy as portrayed at the time by Ian Fleming with his character, James Bond, as Thomas is inveigled into assisting two rather comic secret service agents, Radford and Wayne (named after the actors playing the bumbling detectives in the film “The lady vanishes” by Alfred Hitchcock), although their task is a serious one, to stop secrets reaching the Russians. After all, this was the middle of the Cold War. This humour is also tempered by Thomas’ relationship with a Belgian Expo hostess and his suspicions about his wife, who remains in London during his six month assignment. Hesitations are deftly handled leading to lasting regrets.
  camharlow2 | Nov 2, 2017 |
I started this with high hopes but gave up just after Thomas Foley arrived to oversee the Britannia Pub that is part of the British exhibit at the exposition. Thomas is not an engaging character and I could tell that he would find an excuse to cheat on his wife while he was away and get up to tiresome antics on behalf of the British secret service, so I just couldn't face carrying on.
  isabelx | Jul 30, 2016 |
Showing 1-5 of 16 (next | show all)
no reviews | add a review

» Add other authors (7 possible)

Author nameRoleType of authorWork?Status
Jonathan Coeprimary authorall editionscalculated
Kamoun, JoséeTranslatorsecondary authorsome editionsconfirmed

Belongs to Publisher Series

Is contained in

You must log in to edit Common Knowledge data.
For more help see the Common Knowledge help page.
Canonical title
Information from the Italian Common Knowledge. Edit to localize it to your language.
Original title
Alternative titles
Original publication date
People/Characters
Information from the Italian Common Knowledge. Edit to localize it to your language.
Important places
Important events
Related movies
Awards and honors
Information from the Russian Common Knowledge. Edit to localize it to your language.
Epigraph
Information from the Italian Common Knowledge. Edit to localize it to your language.
"Qualcosa mi dice che dev'esserci una spiegazione razionale per tutto questo."
Nauton Wayne a Basil Radford in La signora scompare (Alfred Hitchcock, 1938)
"Fin dal giorno dell'inaugurazione, il padiglione americano era forgiato come un'arma di spionaggio contro l'Unione Sovietica e i suoi alleati."
Robert W. Rydell, World of Fairs: The Century-of-Progress Expositions
Dedication
Information from the Italian Common Knowledge. Edit to localize it to your language.
A papà, che non è mai arrivato a finirlo.
First words
Information from the Italian Common Knowledge. Edit to localize it to your language.
In una nota datata 3 giugno 1954, l'ambasciatore del Belgio a Londra trasmetteva un invito al governo di Sua Maestà britannica: un invito a partecipare a una nuova Fiera mondiale che i belgi chiamavano l'"Exposition Universelle et Internationale de Bruxelles 1958".
Quotations
Last words
Information from the Italian Common Knowledge. Edit to localize it to your language.
(Click to show. Warning: May contain spoilers.)
Disambiguation notice
Publisher's editors
Blurbers
Original language
Canonical DDC/MDS

References to this work on external resources.

Wikipedia in English

None

An English public employee becomes embroiled in a Soviet plot while he oversees the construction of an authentic British pub being showcased at the 1958 World's Fair in Brussels.

No library descriptions found.

Book description
Haiku summary

Quick Links

Popular covers

Rating

Average: (3.49)
0.5
1
1.5
2 8
2.5 6
3 31
3.5 12
4 42
4.5 5
5 4

Is this you?

Become a LibraryThing Author.

 

About | Contact | Privacy/Terms | Help/FAQs | Blog | Store | APIs | TinyCat | Legacy Libraries | Early Reviewers | Common Knowledge | 159,002,288 books! | Top bar: Always visible