HomeGroupsTalkMoreZeitgeist
This site uses cookies to deliver our services, improve performance, for analytics, and (if not signed in) for advertising. By using LibraryThing you acknowledge that you have read and understand our Terms of Service and Privacy Policy. Your use of the site and services is subject to these policies and terms.
Hide this

Results from Google Books

Click on a thumbnail to go to Google Books.

Σημείο, γραμμή, επίπεδο:…
Loading...

Σημείο, γραμμή, επίπεδο: συμβολή στην… (original 1926; edition 1996)

by Wassily Kandinsky

Series: Bauhaus Books (№ 9)

MembersReviewsPopularityAverage ratingConversations
379149,077 (3.97)None
In this famous work by a pioneer in the movement to free art from the bonds of tradition -- a work long considered essential to understanding the evolution of 20th-century art -- Kandinsky explores the role of the line, point, and other key elements of non-objective painting. 127 illustrations.
Member:grigoris.deoudis
Title:Σημείο, γραμμή, επίπεδο: συμβολή στην ανάλυση των ζωγραφικών στοιχείων
Authors:Wassily Kandinsky
Info:Αθήνα, Δωδώνη, 1996
Collections:Ελληνικά
Rating:
Tags:None

Work details

Point and Line to Plane by Wassily Kandinsky (1926)

None
Loading...

Sign up for LibraryThing to find out whether you'll like this book.

No current Talk conversations about this book.

«È come un pezzo di ghiaccio entro cui brucia una fiamma» scriveva Kandinsky in una lettera del 1925, alludendo alla sua pittura. Ma lo stesso si potrebbe dire del libro che egli avrebbe pubblicato pochi mesi dopo, Punto, linea, superficie, testo capitale e rinnovatore per la teoria dell’arte e non solo per essa. Fra tutti i grandi pittori del ’900 Kandinsky è quello che forse più di ogni altro ha sentito l’esigenza di dare una formulazione teorica ai risultati delle proprie ricerche e di allargarne il significato toccando tutti i piani dell’esistenza. Già nel 1910, quando appena cominciava ad aprirsi la strada alla terra incognita dell’astratto, Kandinsky aveva scritto Über das Geistige in der Kunst, altro testo di grande risonanza, proclama mistico più che saggio di estetica, appello a un rivolgimento radicale della vita oltre che al rinnovamento dell’arte. Punto, linea, superficie si presenta come un’opera più fredda e tecnica, ma in realtà è l’espressione più articolata, matura e sorprendente del pensiero di Kandinsky. Alla base del libro sono i corsi che Kandinsky teneva dal 1922 al Bauhaus. In essi egli mirava soprattutto a individuare la natura e le proprietà degli elementi fondamentali della forma, perciò innanzitutto del punto, della linea e della superficie.
Con estremo radicalismo Kandinsky dichiarava allora di voler fondare una scienza dell’arte: nel corso ulteriore delle ricerche i problemi avrebbero dovuto esser risolti matematicamente, e su questa strada si sarebbe mossa tutta l’arte futura. Per questo suo assunto e per le scoperte che per la prima volta vi sono esposte, Punto, linea, superficie ebbe un’influenza determinante in diversi campi, basti pensare alla grafica. Ma ciò che oggi colpisce nel libro è innanzitutto l’abbozzo di una metafisica della forma, ben più che il progetto di una scienza esatta. Per Kandinsky la forma, in ogni sua specie – naturale e artificiale –, è manifestazione significante di una realtà, è tensione di forze, e solo in rapporto al suo sottofondo invisibile può essere compresa. È chiaro che, con ciò, viene abbandonato irrimediabilmente il recinto dell’estetica: si entra invece in un regno diverso, dove ogni forma diventa un essere vivente – e in questo regno Kandinsky ci introduce come un rabdomante, che rintraccia e traduce continuamente l’uno nell’altro, con la sua inquietante sensibilità eidetica, segni sonori, grafici, cromatici. Così, procedendo all’interno di questo trattato, al tempo stesso di pittura e di geometria «qualitativa», ci accorgiamo di partecipare a una grande avventura fantastica.
Kandinsky ci insegna ad «ascoltare» la forma, come mai nessuno prima di lui, e il suo insegnamento ci mette in un nuovo rapporto con l’opera d’arte, ci apre una possibilità di esplorazione, che è, come scriveva egli stesso, «la possibilità di entrare nell’opera, diventare attivi in essa e vivere il suo pulsare con tutti i sensi». ( )
  BiblioLorenzoLodi | Aug 20, 2019 |
no reviews | add a review

» Add other authors (11 possible)

Author nameRoleType of authorWork?Status
Wassily Kandinskyprimary authorall editionscalculated
Rebay, HillaEditorsecondary authorsome editionsconfirmed
You must log in to edit Common Knowledge data.
For more help see the Common Knowledge help page.
Canonical title
Original title
Alternative titles
Original publication date
People/Characters
Important places
Important events
Related movies
Awards and honors
Epigraph
Dedication
First words
Every phenomenon can be experienced in two ways. These two ways are not arbitrary, but are bound up with the phenomenon - developing out of its nature and characteristics:
Externally - or - inwardly.
Quotations
Last words
(Click to show. Warning: May contain spoilers.)
Disambiguation notice
Publisher's editors
Blurbers
Original language
Canonical DDC/MDS

References to this work on external resources.

Wikipedia in English (2)

In this famous work by a pioneer in the movement to free art from the bonds of tradition -- a work long considered essential to understanding the evolution of 20th-century art -- Kandinsky explores the role of the line, point, and other key elements of non-objective painting. 127 illustrations.

No library descriptions found.

Book description
Haiku summary

Quick Links

Popular covers

Rating

Average: (3.97)
0.5
1
1.5
2 1
2.5
3 6
3.5 1
4 17
4.5 1
5 7

Is this you?

Become a LibraryThing Author.

 

About | Contact | Privacy/Terms | Help/FAQs | Blog | Store | APIs | TinyCat | Legacy Libraries | Early Reviewers | Common Knowledge | 151,650,865 books! | Top bar: Always visible