HomeGroupsTalkZeitgeist
This site uses cookies to deliver our services, improve performance, for analytics, and (if not signed in) for advertising. By using LibraryThing you acknowledge that you have read and understand our Terms of Service and Privacy Policy. Your use of the site and services is subject to these policies and terms.
Hide this

Results from Google Books

Click on a thumbnail to go to Google Books.

Wikinomics: How Mass Collaboration Changes…
Loading...

Wikinomics: How Mass Collaboration Changes Everything (2006)

by Don Tapscott, Anthony D. Williams

Other authors: See the other authors section.

MembersReviewsPopularityAverage ratingMentions
2,433403,825 (3.55)11
Recently added byjeffreydbrown, gibsic18, private library, el.rumi, livus, RCFuller, aj8114, mikicesari, ithomson, dicewitch
Legacy LibrariesTim Spalding
Loading...

Sign up for LibraryThing to find out whether you'll like this book.

No current Talk conversations about this book.

» See also 11 mentions

English (34)  Italian (3)  Spanish (2)  French (1)  All languages (40)
Showing 1-5 of 34 (next | show all)
good intentions, probably best for those just discovering what everyone else has been doing for years (ie, editing wikis, 'collaborating', etc.) I think it is a great study of how business is finally coming around to seeing the value of what we have already been doing for a while.

Note: this book has an optimistic tone to it that borders on boosterism. ( )
  timjaeger | Jan 7, 2019 |
La Wikinomics, ovvero l’era del C.A.C.

In questi ultimi anni i tradizionali sistemi di collaborazione tra la gente, come ad esempio le riunioni, le conferenze, i congressi, sono stati superati e sostituiti da sistemi collaborativi che agiscono su scala planetaria. Sono nate enciclopedie elettroniche, sofisticati sistemi operativi, fondi comuni e molti altre cose del genere creati da migliaia, se non milioni di persone. Non a caso molti politici che detengono il potere temono la crescita di queste temibili comunità di massa, ma i “Wikinomisti” non la pensano affatto così. Un gran numero di aziende, infatti, ha cominciato a tastare il polso di quello che è stato chiamato il “genio collettivo” e delle capacità innovative della gente e quindi del pubblico.

La rapida e universale diffusione di Wikipedia, l’enciclopedia online a cui tutti possono accedere e collaborare liberamente, è diventata la metafora di un nuovo modo di concepire l’economia e il business: la Wikinomics. È il mondo in cui milioni di persone sono interconnesse tramite e-mail, blog, network, community, chat e usano Internet come la prima piattaforma globale di scambio. È il mondo della collaborazione, della comunità, dell’auto-organizzazione che si trasformano in forza economica collettiva di dimensioni globali. È’ il luogo in cui consumatori, lavoratori, fornitori, business partners e anche concorrenti sfruttano la tecnologia per innovare insieme. Nella Wikinomics le scelte di collaborazione sono infinite. Per esempio: ci si può collegare a una comunità internazionale di scienziati per partecipare alla ricerca sul genoma umano; si possono produrre clip informative per YouTube o sperimentare nuove idee nella comunità di Second Life; ci si può unire alla divisione virtuale del R&D e di aziende come Procter & Gamble e contribuire allo sviluppo di nuovi prodotti; si può partecipare al design delle funzioni interattive della prossima BMW. Questa nuova partecipazione, detta “peer production”, sta cambiando il modo in cui beni e servizi vengono inventati, prodotti, commercializzati e distribuiti su scala globale.

Questi fondamentali cambiamenti avvenuti nella tecnologia, nella demografia e nel business sono alla base di un libro che sta avendo un grande successo. Supportato da una ricerca costata oltre nove milioni di dollari e condotta da uno studioso di fama e di successo, Don Tapscott, la “Wikinomia” mostra alle masse il modo in cui esse possono partecipare alla gestione dell’economia come mai prima d’ora. Tutti possono scrivere storie, notizie, informazioni, mixare musica, studiare il genoma umano, progettare software, scoprire il rimedio per una malattia, manipolare testi scolastici, inventare nuovi cosmetici e perfino costruire nuovi motocicli.

La vita di molte aziende sarà condizionata in maniera decisiva nel loro rapporto con i clienti e col pubblico in particolare. Sarà anche quest’ultimo, formato da tanti milioni di singoli individui e persone con la loro realtà personale, a condizionare i comportamenti e le abitudini che si muoveranno non più o non tanto in maniera gerarchica bensì in una serie di ecosistemi che interagiscono orizzontalmente.

Nel corso dei secoli le società commerciali si sono organizzate secondo linee strettamente gerarchiche. Ogni membro all’interno dell’azienda era sottoposto ad un’altro: impiegati-direttori, venditori-clienti, produttori-fornitori, società-comunità. C’è stato finora sempre qualcuno a controllare in cima alla catena di comando. Anche se le gerarchie non stanno scomparendo del tutto, cambiamenti profondi avvengono all’interno della tecnologia, della demografia e dell’economia globale facendo nascere nuovi e potenti modelli di produzione basati sulla comunità, sulla collaborazione e sull’auto-organizzazione piuttosto che sulla gerarchia e sul controllo.

Milioni e milioni di persone usano i blog, le wiki, le chat, le connessioni dirette e indirette per far sentire la propria voce, in un flusso continuo chiamato “blogosfera”. Ci sono impiegati che svolgono il proprio lavoro collaborando alla pari con strutture orizzontali creando aree lavorative chiamate appunto “wiki workplace”. Clienti che diventano “prosumers”, vale a dire “produttori-consumatori”, concorrenti tra di loro, pronti a creare merci e servizi piuttosto che essere dei semplici consumatori finali. Le cosìdette catene di forniture funzionano meglio quando il rischio, il guadagno e le capacità per il completamento dei progetti, inclusi quelli che possono riguardare ad esempio la produzione di auto, moto ed aerei, sono distribuiti in una serie di strutture collegate a livello planetario che operano alla pari.

Molte società che guardano in questa direzione e si comportano di conseguenza, piuttosto che combattersi tra di loro, preferiscono costituire con la loro clientela delle grandi comunità in rete le quali raccolgono milioni di adesioni sotto forma di partecipazioni creative verso iniziative orizzontali inimmaginabili prima.

Questi modelli di comportamento vanno ben oltre la produzione di software, musica, pubblicazioni, prodotti farmaceutici e si estendono ad ogni tipo di prodotto che faccia parte dell’economia globale. Man mano che si diffonde questo modo di lavorare molti sono portati a pensare che questa collaborazione di massa sia un danno piuttosto che un bene in quanto, ad esempio, il concetto di “open source”, sul quale si basano prodotti quali Linux e Wikipedia, costituiscano un vero e proprio attacco ai diritti leggittimi ed ai bisogni delle società di fare profitti.

Il libro si sforza di dimostrare, al contrario, che l’esplosione di fenomeni di collaborazione in massa accesi in rete di recente, come MySpace, InnoCentive, Flickr, Second Life, YouTube e the Human Genome Project, siano delle prove che dimostrano il contrario. Molte aziende di grandi dimensioni, come ad esempio la Boeing, la BMW e la Procter & Gamble, hanno scelto queste politiche ottenendo un taglio dei costi con immediate innovazioni ottenute dalla collaborazione con i clienti e i soci.

Il libro stesso di cui stiamo parlando è d’altronde un esempio di collaborazioni incrociate che ha visto nascere studi collaborativi su quella che viene spesso chiamata la Nuova Rete o Web 2.0 e su come le società coinvolte in questo nuovo modus operandi si stanno comportando. Milioni e milioni di individui collegati tra di loro possono partecipare all’innovazione, alla creazione della ricchezza e dello sviluppo sociale in maniera inimmaginabile prima d’ora. E quando queste masse di persone inizieranno a collaborare potranno concorrere a creare benessere nelle arti, nelle scienze, nell’istruzione, nella gestione del governo. L’intera struttura economica non potrà non trarne profitto e vantaggio quando tutte queste comunità entreranno a pieno regime.

Per avere successo non basterà soltanto intensificare le strategie di gestione esistenti. Si dovrà pensare in maniera diversa, a come essere competitivi e fare profitto in questa nuova scienza collaborativa che chiamano “Wikinomia”. E’ più di “open source” , “social networking”, “crowdsourcing”, “smart mobs”, “crowd wisdom”, tutte nuove espressioni di fresco conio, che non sono solo di moda, ma che descrivono una realtà in movimento, alla quale nessuna cultura può sfuggire e perciò veramente globale. In effetti la sintesi va ritrovata nell’acronimo C.A.C. che sta per: Connessione -Accesso-Controllo. Tutti possono Connettersi per avere Accesso e assumere poi il Controllo della propria vita e quella degli altri. Nel bene e nel male. Speriamo nel bene. ( )
  AntonioGallo | Nov 2, 2017 |
3 ( )
  ronchan | Nov 14, 2016 |
Um clássico e de alguma forma uma leitura importante para quem queira aprofundar e empreender no contexto do negócio digital.

O tempo tornou entretanto, a sua leitura algo datada
  lbgouveia | May 17, 2016 |
“The monolithic, self-contained, inwardly focused corporation is dying" -- is the gist of this enjoyable book. However, it's not just all about the old-guard's eschaton; /Wikinomics/ is primarily about the new type of corporation taking over the world. To wit:

"Regardless of the industry you compete in, or whether your firm is large or small, internal capabilities and a handful of pre-web partnerships are not sufficient to meet the market’s expectations for growth and innovation. Winning companies today have open and porous boundaries, and compete by reaching outside their walls to harness external knowledge, resources and capabilities. They’re like a hub for innovation, and a magnet for uniquely qualified minds. They focus their internal staff on value integration and orchestration, and treat the world as their R&D department. All of this adds up to a new kind of collaborative enterprise. An ecosystem of peers that is constantly shaping and re-shaping clusters of knowledge and capability to compete on an international basis.”

Forget about the Age of Aquarius; this is the new Age of Mass Collaboration.

“The new age of mass collaboration will no doubt seem complex and uncertain. And it’s true that collaboration and openness are more art than science. Leaders must prepare their collaborative minds and companies will need unique capabilities to work in collaborative environments. Capabilities to develop new kinds of relationships, sense important developments, add value, and turn nascent network knowledge into compelling value, are becoming the bread and butter of wealth creation and success.”

Second Life, Google, Amazon, Gold Corp: all are companies that follow this new, exciting business model. If you want to read something stimulating and visionary, read /Wikinomics/. ( )
  evamat72 | Mar 31, 2016 |
Showing 1-5 of 34 (next | show all)
no reviews | add a review

» Add other authors (46 possible)

Author nameRoleType of authorWork?Status
Don Tapscottprimary authorall editionscalculated
Williams, Anthony D.main authorall editionsconfirmed
Andújar Moreno, GemmaTranslatormain authorsome editionsconfirmed
Cypryanski, Piotr. Tl.Translatormain authorsome editionsconfirmed
Dierlamm, HelmutTranslatormain authorsome editionsconfirmed
Oomis, CarryTranslatormain authorsome editionsconfirmed
Schäfer, UrselTranslatormain authorsome editionsconfirmed
Sklar, AlanNarratormain authorsome editionsconfirmed
Vegetti, MatteoTranslatormain authorsome editionsconfirmed
Vogler, WolfgangNarratormain authorsome editionsconfirmed
You must log in to edit Common Knowledge data.
For more help see the Common Knowledge help page.
Series (with order)
Canonical title
Original title
Alternative titles
Original publication date
People/Characters
Important places
Important events
Related movies
Awards and honors
Epigraph
Dedication
We dedicate this book to our children, Alex and Niki Tapscott and Immanuel Williams. We hope that it helps our generation open up the economy to yours.
First words
Throughout history corporations have organized themselves according to strict hierarchical lines of authority.
Quotations
Last words
(Click to show. Warning: May contain spoilers.)
Disambiguation notice
Publisher's editors
Blurbers
Publisher series
Original language
Canonical DDC/MDS
Book description
Haiku summary

No descriptions found.

In just the last few years, in one of the most profound changes of our time, traditional collaboration--in a meeting room, a conference call, even a convention center--has been superseded by collaborations on an astronomical scale. Today, encyclopedias, jetliners, operating systems, mutual funds, and many other items are being created by teams numbering in the thousands or even millions. Flickr, Second Life, YouTube, and other thriving online communities transcend social networking to pioneer a new form of collaborative production. While some leaders fear the heaving growth of these massive online communities, Wikinomics shows this fear is folly. Smart firms can harness collective capability and genius to spur innovation, growth, and success. Mature companies can cultivate nimble, trust-based relationships with external collaborators to form vibrant business ecosystems. Wikinomics challenges our most deeply-rooted assumptions about business and aims to be a road map for doing business in the 21st century.--From publisher description.… (more)

» see all 5 descriptions

Quick Links

Popular covers

Rating

Average: (3.55)
0.5 3
1 14
1.5 3
2 36
2.5 5
3 97
3.5 21
4 124
4.5 7
5 73

Tantor Media

An edition of this book was published by Tantor Media.

» Publisher information page

Is this you?

Become a LibraryThing Author.

 

About | Contact | Privacy/Terms | Help/FAQs | Blog | Store | APIs | TinyCat | Legacy Libraries | Early Reviewers | Common Knowledge | 133,449,606 books! | Top bar: Always visible