HomeGroupsTalkExploreZeitgeist
Search Site
This site uses cookies to deliver our services, improve performance, for analytics, and (if not signed in) for advertising. By using LibraryThing you acknowledge that you have read and understand our Terms of Service and Privacy Policy. Your use of the site and services is subject to these policies and terms.
Hide this

Results from Google Books

Click on a thumbnail to go to Google Books.

Loading...

Of Mice and Men (1937)

by John Steinbeck

Other authors: See the other authors section.

MembersReviewsPopularityAverage ratingConversations / Mentions
34,61560754 (3.89)1 / 1197
In depression-era California, two migrant workers dream of better days on a spread of their own until an act of unintentional violence leads to tragic consequences.
  1. 184
    To Kill a Mockingbird by Harper Lee (Headinherbooks_27, sturlington)
  2. 132
    The Great Gatsby by F. Scott Fitzgerald (SkinneeJay)
    SkinneeJay: Both are simple and sad stories. I find the endings pretty similar.
  3. 20
    The Old Man and the Sea by Ernest Hemingway (sturlington)
  4. 10
    The Cone-Gatherers by Robin Jenkins (chrisharpe)
  5. 05
    I Am the Cheese by Robert Cormier (meggyweg)
    meggyweg: Both these books are perfectly structured, all the plot parts fitting so seamlessly together that not even a knife blade could slip between them. The endings to each are as inevitable as the end of the world.
Read (53)
To read (22)
1930s (8)
Loading...

Sign up for LibraryThing to find out whether you'll like this book.

» See also 1197 mentions

English (571)  French (7)  Spanish (7)  Italian (4)  Dutch (4)  Swedish (4)  Finnish (2)  Norwegian (2)  German (1)  Hebrew (1)  Catalan (1)  Slovak (1)  Portuguese (Portugal) (1)  All languages (606)
Showing 1-5 of 571 (next | show all)
Star and a half. Like tons of kids in public schools in the US, I had to read this in my freshman year of high school and do an essay on it. Fast forward fifteen years and I plucked a battered copy from my parents' bookshelf. The paperback I leafed through had the spine split in multiple places, and the cheap glue binding had worn away so much that the pages were in four poorly-bound sections. They fell out of the book around page five. Few of them were organized by numerology, even. Somehow they'd gotten reshuffled. I reorganized the pages patiently and stuck them back in the cover. This copy was so old that pieces of the pages crumbled with no provocation and tumbled onto whatever surface I was reading near--a pillow, a table, a couch. I kept moving while reading it so I could stay awake. By page thirty, I wondered why the hell this was taught in high schools, let alone in the early 2000s. It's boring, bland, repetitive, and really unsettling. I realize it's true to the 1930s, the Great Depression, and social norms of the time, but -modern high schools need to move on from teaching stuff like this.-

They're teaching teenagers they're stupid. I couldn't come up with any social or redeeming factors this book might have, and just shook my head. This is considered a classic of historical fiction, and normally I really enjoy historical fiction. I wish districts would pick other books. Let's think of what this book has in it, if I were going to be nice and pretend to like it: friendship. Queer-coding (that my English teacher firmly denied and snarled at anyone who brought it up, to the point of threatening detention). Someone dies. It's a period piece. All the factors I just listed--my favorite book has those, too. "A Time For Dancing" by Davida Wills Hurwin. It takes place in the 90s, it's dual-perspective, sad, wonderful, and far, far more engaging than this. And the friendship is far healthier and more even. And hey, it's got a bunch of swearing, a younger sister, and some cynicism towards parents in it! That means it could replace "Catcher in the Rye," too! I'm proud of this idea of mine. ( )
  iszevthere | Jun 24, 2022 |
Overrated "literary" novel. Steinbeck wrote much better stuff. ( )
  Gumbywan | Jun 24, 2022 |
Recensione su FantasyAmo: https://aratakblog.blogspot.com/2018/10/recensioni-of-mice-and-men.html


Of Mice and Men è un libro molto breve, ma piuttosto complesso, almeno dal mio punto di vista.
I classici sono sempre difficili da raccontare e da recensire, almeno per me... Sembra che tutto sia stato già detto, e che io non possa aggiungere altro. Ma sono comunque libri che voglio leggere nel corso della vita. Quindi credo che dovrò abituarmi.
Voi ne leggete?

La storia segue George e Lennie, due uomini molto diversi che viaggiano assieme, cercando lavoro nei campi americani. Il loro sogno è avere una terra di loro proprietà, e non lavorare sotto il comando di qualcun altro. Trovato un nuovo lavoro, i due cercano di adattarsi e stare fuori dai guai, ma il disastro è dietro l'angolo.

Il racconto può risultare poco interessante se si guarda solo alla superficie: in fondo, la storia di due lavoratori agricoli nell'America degli anni '30 è piuttosto noiosa visto che riguarda solo l'aspetto lavorativo. Però c'è un sottofondo di disperazione che è quasi palpabile. Disperazione rispetto alla loro situazione e al fatto che inconsciamente George sa che la situazione non cambierà, mentre Lennie, stupido e innocente, crede di sì.

I personaggi, in generale, sono molto piatti e stereotipati. Se vi aspettate una crescita ben delineata e visibile, tipica di molti romanzi di oggi, rimarrete delusi. Dall'introduzione scritta da Susan Shillinglaw ho capito che è una critica piuttosto comune nei confronti di Steinbeck, ma credo che il fulcro della storia non siano i personaggi ma la condizione stessa in cui i lavoratori si trovano: una situazione precaria, disperata, dove il loro corpo non è più loro ma solo uno strumento di lavoro. Tutto questo li costringe a una solitudine costante, anche quando, in teoria, sono in compagnia di altri. Questo toglie loro ogni ragione di vita... Tanto che per andare avanti si devono illudere che arriveranno a una situazione migliore nonostante sappiano benissimo che non arriverà mai, mentre continuano a lavorare precariamente e a sperperare il denaro in bere e donne.

Ci sono due personaggi principali, George e Lennie, e la moglie di Curley, terzo personaggio piuttosto importante. Tutti e tre i personaggi sono estremamente soli, intrappolati nella loro vita piena di stenti e odiosa.
George è quello che ha più cervello, e che guida Lennie in ogni sua mossa. È lui che trova lavoro per entrambi, è lui che ha il sogno di una terra propria, è lui che porta avanti la storia con le sue scelte fino alla drastica fine. Lennie, invece, è quello più stupidotto e gentile ma con una forza immane che lo mette sempre nei guai; ed è proprio questa forza incontrollata, assieme alla sua lentezza di pensiero, che portano al disastro.
Pur essendo personaggi piuttosto banali, dal mio punto di vista, è interessante guardare al loro legame: una relazione di co-dipendenza da tutti e due i fronti. Se Lennie ha bisogno di George per sopravvivere, George ha bisogno di Lennie per tenere in vita il suo sogno... anche perché i due sono soli al mondo: non hanno mogli, né figli, né altri parenti. Sono solo loro due contro un mondo che cerca di dividerli e che li sfrutta fino allo sfinimento.
La moglie di Curley è vista da tutti i personaggi maschili come una poco di buono, che cerca di attrarre tutti gli altri e "scappa" dal marito, in un certo senso. Guardando a fondo la donna, si capisce che ciò che è a muoverla, come per tutti gli altri, è la solitudine.

Ed è proprio la solitudine al centro di tutta questa storia. E la tragicità della vicenda sta forse nell'evoluzione di questo unico rapporto tra George e Lennie, fino alla rottura definitiva e alla reazione degli altri personaggi. Personalmente non mi aspettavo il finale, forse in una visione troppo positiva che mi porta sempre a credere nell' "happy ending". Ma quello che mi ha colpito di più è proprio l'ultima frase del libro, che mostra come questo tragico svolgimento degli eventi non abbia toccato nessuno degli altri, che anzi non sembrano capire cosa sia cambiato.

Per quanto riguarda lo stile di scrittura: io l'ho letto in inglese, e nel complesso è un linguaggio molto semplice. Molte volte però lo scrittore è ricorso a linguaggi dialettali che personalmente non ho avuto problemi a capire (grazie, Michael Rooker!) ma che forse potrebbero creare fastidio a un lettore meno abituato a leggere e ascoltare un'inglese che non è quello scolastico. Personalmente, il tutto da realismo alla storia in un modo che, penso, la traduzione italiana non possa dare.

Se dovessi dire cosa mi ha lasciato questo romanzo, non penso che saprei ben definirlo. Sicuramente questa solitudine incombente mi ha contagiata e ha lasciato un segno. Ho anche un rinnovato interesse per la situazione dei lavoratori in quest'epoca, che sicuramente non era delle migliori.
Nel complesso, quindi, è stata una lettura piuttosto interessante e non mi pento del mio voler continuare a leggere classici. Spero di poter leggere presto gli altri libri di questo autore.
( )
  thereadingpal | Jun 14, 2022 |
A true classic. Nice and easy short read. Everyone should have this in their library. If you don't...look at the rabbits. ( )
  IrishProvo | Jun 8, 2022 |
Not my favorite Steinbeck. It lacks the sense of Grandiose Epic Truth that make East of Eden and Grapes of Wrath so moving. ( )
  AlainaZ | Jun 5, 2022 |
Showing 1-5 of 571 (next | show all)

» Add other authors (35 possible)

Author nameRoleType of authorWork?Status
Steinbeck, Johnprimary authorall editionsconfirmed
Dautremer, RébeccaIllustratorsecondary authorsome editionsconfirmed
Ece, AyşeTranslatorsecondary authorsome editionsconfirmed
Eggink, ClaraTranslatorsecondary authorsome editionsconfirmed
Linturi, JoukoTranslatorsecondary authorsome editionsconfirmed
Mari, MicheleTranslatorsecondary authorsome editionsconfirmed
Martin, FletcherIllustratorsecondary authorsome editionsconfirmed
Rotten, ElisabethÜbersetzersecondary authorsome editionsconfirmed
Sanders, BrianCover artistsecondary authorsome editionsconfirmed
Shillinglaw, SusanIntroductionsecondary authorsome editionsconfirmed
Sinise, GaryNarratorsecondary authorsome editionsconfirmed
Winterich, John T.Introductionsecondary authorsome editionsconfirmed

Is contained in

Is retold in

Has the adaptation

Has as a study

Has as a student's study guide

You must log in to edit Common Knowledge data.
For more help see the Common Knowledge help page.
Canonical title
Original title
Alternative titles
Original publication date
People/Characters
Important places
Important events
Related movies
Awards and honors
Epigraph
Dedication
First words
A few miles south of Soledad, the Salinas River drops in close to the hillside bank and runs deep and green.
Quotations
Last words
(Click to show. Warning: May contain spoilers.)
Disambiguation notice
Publisher's editors
Blurbers
Original language
Canonical DDC/MDS
Canonical LCC

References to this work on external resources.

Wikipedia in English

None

In depression-era California, two migrant workers dream of better days on a spread of their own until an act of unintentional violence leads to tragic consequences.

No library descriptions found.

Book description
The tragic story of George Milton and Lennie Small, two displaced migrant ranch workers, who move from place to place in search of new job opportunities during the Great Depression in California, USA.
Haiku summary

Popular covers

Quick Links

Rating

Average: (3.89)
0.5 15
1 209
1.5 31
2 601
2.5 83
3 2178
3.5 401
4 3826
4.5 375
5 3106

Is this you?

Become a LibraryThing Author.

Penguin Australia

4 editions of this book were published by Penguin Australia.

Editions: 0141185104, 0141023570, 014103842X, 0241952484

HighBridge Audio

An edition of this book was published by HighBridge Audio.

» Publisher information page

HighBridge

An edition of this book was published by HighBridge.

» Publisher information page

 

About | Contact | Privacy/Terms | Help/FAQs | Blog | Store | APIs | TinyCat | Legacy Libraries | Early Reviewers | Common Knowledge | 171,672,184 books! | Top bar: Always visible